“chi altro non vuole più avere dubbi sulla reale esistenza della sua anima gemella e farsi trovare pronto all’appuntamento con lei?” – (2a parte)

Come faccio a riconoscerti? Sei o non sei la mia anima gemella?Diverse persone dubitano della reale esistenza della propria anima gemella perché non hanno chiaro cosa realmente significhi questo termine.

La maggior parte della comunicazione su quest’argomento utilizza il termine “anima gemella” in maniera del tutto impropria. Oggi l’anima gemella si confonde facilmente con “il partner giusto” o “la persona giusta”. Non voglio dire che sia sbagliato trovare “il partner giusto” o “la persona giusta”. Il problema è che nessuna delle due definizioni è comparabile all’anima gemella.

Il partner o la persona giusta sono tutt’altro tipo di incontro rispetto a quello con l’anima gemella.

Se continuerai a leggere ciò che sto per dirti, da oggi potrai comprendere meglio che tipo di incontri fai e renderti conto se vale la pena di impegnarsi ad approfondire la tua ricerca per la tua anima gemella più compatibile e smettere di pensare che i partner che attrai sono anime gemelle quando invece non lo sono, rimanendo deluso/a ogni volta.

La prima cosa da sapere è che una coppia formata da due persone che si ritengono l’una il partner giusto per l’altro si incontrano e stanno insieme tenendo conto di usi, costumi, regole e convenzioni sociali.

Nel primo incontro l’interesse dell’uno verso l’altra si rivolge soprattutto a considerare:

  • se c’è attrazione fisica
  • se il lavoro è stabile
  • se c’è disponibilità economica
  • che macchina ha
  • da quale famiglia proviene
  • se è carino/a, se è simpatico/a, se è intelligente 

I pensieri che questi due potenziali partner potrebbero farsi al primo appuntamento potrebbero essere:

  • sono sufficientemente sexy?
  • La bacio o non la bacio quando la riporto a casa?
  • Sarà una persona seria?
  • Piacerà ai miei famigliari e agli amici? 

In un secondo momento se l’interesse continua l’uno e l’altra vorranno sapere:

  • se c’è la voglia di formare una famiglia
  • se avere o no dei figli
  • se è nei progetti di entrambi voler condurre una vita normale casa-lavoro-famiglia-amici. 

Questi sono i modi in cui si forma una “coppia tradizionale” tra due persone che ritengono l’altro, essere il partner giusto. Entrambi i partner tengono conto di ciò che l’altro “ha” o “fa” nella sua vita e se i lati del carattere coincidono con i propri desideri.

Il primo appuntamento tra due anime gemelle consisterà in una sorta di “avvicinamento spirituale”, nel quale le due creature si faranno delle domande riguardanti la profondità di quell’essere. Lo sguardo andrà oltre i tratti fisici, senz’altro importanti anche in questo caso, ma le domande che entrambi si faranno saranno più che altro queste:

  • saprà farmi battere il cuore?
  • Riuscirà a toccarmi il cuore e l’anima con il suo spirito?
  • Avremo gli stessi valori?
  • Sarà interessato/a come prima cosa al mio benessere?
  • Avrò l’impressione che è come se ci conoscessimo da molto tempo?
  • Saprò riconoscerla tra le tante anime con le quali posso essermi dato/a appuntamento? 

In un secondo momento se l’interesse continuerà, l’uno e l’altra vorranno sapere:

  • se potranno condividere gli stessi scopi
  • se sono pronti a evolvere insieme
  • se potranno contribuire l’uno alla crescita dell’altro 

Questo è il modo in cui si forma una coppia di anime gemelle.

In una coppia di tipo “tradizionale” non c’è alcun interesse per la crescita interiore e la spiritualità. 

Una coppia di anime gemelle è soprattutto un incontro per evolvere in un’esperienza oltre che fisica, anche spirituale.

Ognuno di noi è libero di scegliere verso quale esperienza andare. La cosa importante, errore che molti fanno, è di non illudersi di cercare la propria anima gemella in un’unione di tipo tradizionale, basata cioè sulla superficialità piuttosto che sulla profondità, su schemi e convenzioni, piuttosto che sullo sguardo oltre l’apparenza.

Questo è uno dei motivi per cui solo a poche persone oggi è concesso di intraprendere il vero percorso e trovare la propria anima gemella per davvero.

Ecco quali sono gli atteggiamenti più importanti da praticare se vuoi avvicinarti alla possibilità di incontrare più facilmente la tua anima gemella:

  • fatti guidare dal senso di avere almeno uno scopo da poter condividere con l’altro per raggiungere con lui/lei un ulteriore sviluppo nella tua vita sentimentale
  • gestisci i tuoi appuntamenti sentimentali con consapevolezza di ciò che vuoi esattamente per il tuo bene
  • approfondisci la conoscenza di persone affini alle tue migliori qualità
  • scegli di stare solo con chi mostra di avere la capacità di sapersi mettere in discussione e cambiare atteggiamento senza che tu glielo debba chiedere
  • scegli di frequentare solo chi si interessa al tuo bene
  • scopri se con lui/lei puoi aprire il tuo cuore su qualsiasi argomento senza sentirti giudicata/o.

Cristina Bastoni

Se questo post ti è stato utile lasciami un tuo commento qui sotto.

Leggo e rispondo volentieri (appena mi è possibile) a tutti i commenti al mio blog!

Se pensi possa essere utile ai tuoi amici condividilo anche con loro. Grazie!

12 commenti
  1. Monica
    Monica dice:

    E’ sempre interessante e utile quello che tratti.. e mi piace la tua sensibilità e la positività che trasmetti.. grazie..

    Rispondi
    • cristina
      cristina dice:

      grazie Monica,
      detto da te, mi sento davvero onorata!
      Mi fa piacere che ciò che tratto ti sia di interesse e utilità.
      Mi auguro che la tua vita si possa arricchire ogni giorno di più di amore
      e meravigliose opportunità.
      Con Amore & Gratitudine 🙂

      Rispondi
    • TIZIANA
      TIZIANA dice:

      Mi è stato veramente utile questo articolo, non mi ero mai soffermata sulla differenza tra la persona giusta e l’anima gemella.
      Grazie mille

      Rispondi
      • cristina
        cristina dice:

        Grazie a te! Sono molto contenta che questo articolo ti sia stato utile.
        Ti auguro tutto il meglio in Amore!
        Con Gratitudine,
        Cristina

        Rispondi
  2. ambra
    ambra dice:

    Cara Cristina, la distinzione che hai fatto fra l/anima gemella è la coppia tradizionale è davvero illuminante e preziosa!!! Grazie!!!
    Un grande abbraccio
    Ambra

    Rispondi
    • cristina
      cristina dice:

      Grazie Ambra!
      Se ritieni possa essere utile anche a qualche tua amica o amico faglielo sapere inviandogli questo articolo!
      Un abbraccio:-)

      Rispondi
  3. Enrico
    Enrico dice:

    Ciao Cristina… ho letto con interesse l’articolo e vorrei chiederti come sai queste cose sull’anima gemella. Grazie, ciao da Enrico.

    Rispondi
    • cristina
      cristina dice:

      Ciao Enrico,
      Grazie per l’interesse a questo articolo!
      Ho preso spunto da uno dei libri che mi ha accompagnato nel corso della mia personale crescita interiore per incontrare la mia Anima Gemella: “Trovare l’Anima Gemella” di Basha Kaplan e Gail Prince.
      Se lo trovi è molto interessante per approfondire l’argomento!

      Rispondi
  4. manuela
    manuela dice:

    Molto interessante quello che hai scritto!
    Cambiare modo di vedere le cose e prospettiva è già un passo avanti.
    Grazie Cristina

    Rispondi
  5. Federica
    Federica dice:

    Sarebbe stupendo per me trovare una persona che mi permetta di avere questo tipo di relazione. Sono ancora abbastanza giovane, spero di poter trovare anche a 28 anni un ragazzo che possa darmi tutto questo e che io sia in grado di poterlo dare a mia volta. Grazie 🙂

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *